Intel TS13X Thermal liquid solution: water cooling esclusivo per LGA.

Seconda parte del viaggio della mia scheda video verso il raffreddamento a liquido. Dopo aver visto l’adattatore Kraken G10, oggi vediamo la personale recensione del water cooler ibrido all in one Intel TS13X. I dissipatori stock di Intel sono ottimi per pc spesso in idle. Silenziosi abbastanza e di buona fattura. Quando le temperature si alzano, si voglia per videogiochi o per rendering, il rumore inizia però ad essere insopportabile, soprattutto per le lunghe sessioni. Ecco quindi che viene voglia di acquistare dissipatori dedicati, come i Cooler Master che ho recensito la settimana scorsa.

Intel TS13X recensione

Se si vuole qualcosa di più ricercato, si può puntare sui costosi e complessi sistemi di raffreddamento a liquido. I sistemi di questo tipo sono complicati da assemblare e riservati ad un pubblico esperto. Ecco quindi che la scelta per noi neofiti ricade sui cosiddetti hybrid water coolers all in one come l’Intel TS13X che andiamo a recensire oggi.Questo water cooler è realizzato da Asetek, azienda leader del settore (tanto che si parla di water cooler Asetek-like o Asetek-compatibili) ovviamente in collaborazione con Intel. È un prodotto realizzato per le piattaforme LGA 2011, 1366 e tutte le serie 115x ovvero 1156, 1155 e la 1150.

La pompa presenta un generoso involucro di plastica opaca con il logo Intel munito di un bel LED blu in tono con quello della ventola. I due tubi sono resistenti il giusto e permettono un installazione comoda nella maggior parte dei case che supportano questo tipo di raffreddamento. Occorre infatti notare che sebbene il radiatore sia di 120mm come la ventola, non è detto che possa essere montato nel posto dedicato alle ventole 120mm: deve essere indicato nel case la possibilità di montaggio di un tale apparecchio. (oppure bisogna adattarsi con del fai da te, come nel mio caso)

La ventola è silenziosissima e dall’ottima fattura. Può raggiungere i 2200 RPM pur mantenendo la soglia del rumore sui 35dBA. Utilizzando uno Xeon E3 1230 (quattro core – otto thread – TDP 80W) dopo due ore di rendering la silenziosità era ancora quella dell’idle. La ventola raggiunge i 2200RPM solamente in situazioni davvero calorose come l’overclock.

Un ottimo prodotto quindi, ma dal prezzo un po’ alto. I prodotti Corsair serie H sono della stessa qualità ma costano una ventina di euro in meno. Questo, dalla sua, ha l’estetica ed il fatto di essere ottimizzato per il TDP dei processori Intel. Se vedere il bel logo Intel illuminare il case non ci interessa, allo stesso prezzo potremmo trovare le offerte NZXT o Corsair fascia alta interessanti a pari merito.

Io ero interessato soprattutto all’estetica, perché la mia workstation è basata su Intel. Ma l’utilizzo che alla fine ne ho fatto non è stato usuale. L’ho utilizzato infatti per raffreddare…la mia GPU, la GTX 760! Ho raccontato questa avventura in questo articolo.

Grazie, e alla prossima!

 

 

di Francesco "Capo" G.

Informatico e geek appassionato di disegno digitale, storia antica ed epica. Autore del romanzo "Homeron Etark" inserito nel selezionato Kerberos dei Gladiatori della Penna e 3/3 su Mangialibri.com. Gli piacciono Star Wars, Asimov, LOTR, The Big Bang Theory. Mettete tutte queste cose insieme, non shakerate perché è un pochino introverso e volto alla moderazione... e ci viene fuori lui. Nel tempo libero a.k.a. Starlover/Cap'skycloud @SWTOR; fu Capo_Marmaglia @CoJBiB.

Leggi il mio libro Homeron Etark

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*