SWTOR / KOTOR: Star Wars secondo BioWare

Questo vuole essere il primo articolo di una serie di analisi dei videogiochi su Star Wars, mentre cerchiamo di scoprire cosa realmente rimarrà legale nell’Universo Espanso resettato recentemente dalla LucasFilm stessa.

swtor kotor

Prenderò spunto da una lettera di James Holen, uno dei più noti produttori di BioWare dietro a Star Wars: The Old Republic (SWTOR). La lettera è uscita un po’ di tempo fa, per il decimo anniversario di KOTOR, ma è comunque perfetta per analizzare per i miei scopi. Parliamo un attimo di KOTOR, prima.

Star Wars: Knights of The Old Republic è stato considerato per anni il miglior gioco Star Wars, ambientato nell’universo espanso della galassia creata da George Lucas oramai quarant’anni fa, ma sempre più viva e “aggiornata” grazie al continuo lavoro di scrittori, artisti, fan e soprattutto della LucasFilm.

Per me, è ancora il migliore: trama, ambientazione, personaggi, tutto concorre per far sentire il giocatore dentro un universo pieno di avventura e azione, proprio come se si vivesse dentro uno dei film originali della trilogia classica. Dovrei correggermi però, KOTOR è il miglior gioco Star Wars single player…

Infatti dal dicembre 2011 il primo posto nella mia personale classifica spetta a The Old Republic. Parer mio, di centinaia di migliaia di fan e dello stesso James Holen, BioWare producer e director. Nella sua lettera sopracitata ha sostanzialmente ringraziato i fan, ma anche e giustamente lodato la sezione di BioWare che si occupa di The Old Republic, per aver creato un gioco dove tutte le “colonne” portanti di una buona fan-fiction si incontrano.

I fan di Star Wars trovano una galassia tutta da esplorare quando decidono di iscriversi a SWTOR, non c’è dubbio. Ecco quindi che nel gioco si condensano: azione, avventura, passione, esplorazione, ricerca, condivisione, battaglie spaziali e baci saffici. Beh si certo non è che ci si aspetti delle same gender romance da un MMORPG…ma si sa, BioWare è sempre una sorpresa.

In SWTOR,i prezzi da pagare sono due: il canone, se si decide di giocare senza limitazioni, e la capacità di giocare ad un MMORPG. Molti, soprattutto giovanissimi, fans di Star Wars abituati a Il Potere della Forza non troveranno pane per i loro denti…
Ma quando si impara a giocare, non prima di aver letto la più superbamente strepitosa guida in italiano (questa, Galactic Database), SWTOR offre:

  • 8 trame diversificate e caratteristiche per le otto classi. Vuoi vagare nella galassia come contrabbandiere lasciandoti alle spalle amanti spasimanti? Vuoi servire la Repubblica da fedele soldato? Vuoi essere il braccio destro dell’Imperatore? A te la scelta, fino al livello 50. Dopo è (quasi) uguale per tutti, quindi goditi il leveling e non farlo di fretta! ù.ù
  • Tutte le 8 trame sono vissute in maniera diversa da ogni giocatore, grazie alle possibilità di scelta dei dialoghi e soprattutto, le scelte che comportano l’aggiunta di punti Lato Chiaro o Lato Oscuro della Forza.
  • Una grafica cartoonata e assolutamente solida per un MMO, che conferisce a SWTOR il tipico stile alla Knight of The Old Republic, tecnologicamente avanzato ma “vintage” per quanto riguarda l’aspetto.
  • Trame secondarie, personaggi, background ispirati fedelmente all’universo espanso di Star Wars (quello valido fino all’altro ieri…O.o)
  • SWTOR è ambientato 300 anni dopo KOTOR: gli intrecci e i riferimenti sono molti, anche importantissimi per la trama. Li discuterò nel prossimo articolo.

In un momento così caldo per il brand, sempre Holen ricorda che anche a BioWare sono in attesa per il prossimo e attesissimo videogioco EA DICE, Star Wars Battlefront (III), sfruttante il motore grafico dei videogiochi Battlefield. Anche il sottoscritto lo aspetta con ansia, ma di certo già adesso so quale sia il miglior videogioco Star Wars, che è anche l’unico che mi concedo, SWTOR.

Solo una semplice opinione, ovviamente. Al prossimo articolo, tra sette giorni!

di Francesco "Capo" G.

Informatico e geek blogger. La mia grande passione è l’indie publishing, un “secondo lavoro” che interpreto tramite scrittura creativa e digital art. Sono sempre alla ricerca di mondi e mitologie lontane, sia del passato che del futuro. Autore del romanzo "Homeron Etark" inserito nel selezionato Kerberos dei Gladiatori della Penna e 3/3 su Mangialibri.com. Guardo The Big Bang Theory e Star Wars, leggo Asimov e Tolkien. Nel tempo libero player veterano di SWTOR.

Leggi il mio libro Homeron Etark

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*