Star Wars The Old Republic: Trama e story arc dopo end game, le migliori? [UPDATED]

Ieri ho scritto un articolo riguardo l’espansione delle funzionalità in SWTOR, con la patch 2.9 ergo mini espansione Galactic Strongholds. Dissi che “non è un’aggiunta ai contenuti di gioco”. Mi sono sbagliato. [UPDATE]: articolo aggiornato a Shadow of Revan.

SWTOR Forged alliances

BioWare non rilascia wallpapers decenti da anni. Quindi me lo sono fatto io! Update: con Shadow of Revan ne sono arrivati alcuni, insieme ai fantastici trailers

Con ben due settimane di ritardo, ho finalmente provato con mano la nuova story arc di Star Wars The Old Republic, la trama Forged Alliances: Part II. Si conclude il tutto in un’oretta, flashpoint Deepths of Manaan compreso. Ma che oretta.

Forged Alliances: Part I aveva introdotto la nuova e più dinamica regia BioWare nelle cutscenes, accompagnandola con una punta di suspence e due flashpoints solo discreti, categorizzati come Tacticals, anche se dell’idea dei Tactical -per fortuna- poco è rimasto. Grazie a Zeus, si dice che un giorno arriveranno le versioni hard mode. Per quanto riguarda il punto a favore, la trama, preannunciava essere qualcosa di interessante.

Il rischio era che BioWare la facesse fuori, come accaduto per Kuat Drive Yards, o ci mettesse poco impegno e stile, come accaduto per Titan of Industry. Non è accaduto!

Forged Alliances: Part II entra nel vivo di una story arc a mio parere così intrigante e coinvolgente da sbaragliare ogni concorrenza interna. Lo stile narrativo è ritornato sui magici binari della BioWare che conoscevo, dando vita a cutscenes e dialoghi all’altezza dei migliori momenti delle trame originali, e in certi momenti ho visto addirittura più Star Wars che in certi momenti della nuova trilogia cinematografica. Questo deve essere SWTOR, housing a parte.

Tutto ciò mi ha dato lo spunto per ripensare a quanto passato in quasi tre anni di gioco. Presupponendo che la trama dei personaggi da livello 1 a 50, e le story line parallele (ciclo The Jedi Prisoner…) sia il punto di riferimento, le story arc post patch 1.2 come vi sono sembrate? Io le giudico così, sopra e sotto un’immaginaria riga zero:

  • KNIGHTS OF THE FALLEN EMPIRE. Tremendamente fantastica.
  • Shadow of Revan. La nuova espansione, di cui ho parlato ampiamente negli ultimi articoli. Storia eccezionale, che nulla ha da invidiare ad un gioco di ruolo / azione a se stante. (+2)
  • Forged Alliances: Part III / Part II. SIS ed Imperial Intelligence dovranno unire le forze per contrastare una minaccia che riemerge dal passato. Finalmente, tanti dialoghi ben pensati, intriganti e profondi; personaggi ben riusciti e divertenti; cutscenes impensabili per un MMORPG; stile narrativo solido. Nuova intricata romance in arrivo, per i cuoricini pixelosi dei nostri pg.  In attesa della terza ed ultima parte! (+2)
  • Ciclo Rakghouls. Dall’invasione in Kaon Under Siege, all’operazione di infiltrazione su The Lost Island, fino al ritorno con l’evento Rakghoul Resurgence. I mostriciattoli diventati famosi in KOTOR sono sempre divertenti da sterminare. 
  • Ciclo Dread Masters: Section X, Scum and Villany, Oricon e Dread Fortress/Palace. Temuti tanto da Impero quanto Repubblica, questi antichi maestri del Lato Oscuro si preparano a riconquistare la galassia con le loro legioni di mercenari e reietti. (+0)
  • Forged Alliances: Part I: la prima parte della story arc preludio di Shadow of Revan è un po’ scarna, anche se fa crescere per bene la suspence.
  • Rise of The Hutt Cartel: vera espansione, con nuovo level cap. Rivedere gli enormi antenati di Jabba è sempre un piacere e la trama è lunga e coinvolgente. Ha portato tante novità a SWTOR, anche le romances same gender. Fatta due volte però, annoia -complice l’affollato e pieno di buche Makeb, che ho apprezzato ma sul quale non sono volontariamente mai più atterrato, se non per Toborro… (-1)
  • Titan of Industry. Cortissima ed a se stante story arc sulla luna CZ-198. Nuove daily ma zero dal punto di vista narrativo. Solo i più appassionati sono riusciti comunque ad apprezzare il rapido sguardo nell’universo espanso. Si poteva fare molto di più, ma ne valeva la pena? Forse qualcosa di veloce ci voleva. (-2)
  • Kuat Drive Yards / Galactic Starfighter Tante aggiunte ai contenuti di gioco, ma i tactical flashpoints sono solo per gli amanti del gioco occasionale. Zero assoluto per la narrazione, che prova e poi lascia pendenti nuovi personaggi. (-2)

È un’opinione personale, ma il mio invito è di gustarsi a fondo SWTOR: Forged Alliances. Mai skippare la prima volta in Deepths of Manaan ed iniziare a studiare inglese ;)

Ah dimenticavo. Mi sono guardato lo spazio EA al Gamescom in questo video ufficiale, l’ho trovato molto bello. Alla faccia di quella testata di informazione che l’aveva descritto “imbarazzante”. Io la chiamerei disinformazione la loro…

Commentate, soprattutto se me ne sono dimenticato qualcuna!

Grazie e alla prossima!

di Capo (Francesco G.)

Informatico scientifico, indie publisher e geek. Sempre alla ricerca di mondi e mitologie lontane, sia del passato che del futuro. Autore dell'epico e apprezzato romanzo Homeron Etark. Nel tempo libero, player veterano di SWTOR, del quale è autore della più longeva guida italiana.

Leggi il mio libro Homeron Etark

5 pensieri su “Star Wars The Old Republic: Trama e story arc dopo end game, le migliori? [UPDATED]

  1. Ciao,mi chiedevo cosa ne pensassi dell’abolizione(spero non definitiva)delle cutscenes nei 2 nuovi pianeti dell’ultima espansione?Per me e’ stato un duro colpo….le cutscenes e le quest magistralmente doppiate erano un fattore unico e identificativo del gioco,lo differenziavano dalla massa di mmo tutti uguali e lo rendevano di molto + immersivo.Ovviamente questo e’ un mio umile pensiero,continuero’ a giocarci e comprare le prossime espansioni,lo reputo un gran gioco ed amo lo stile di Bioware anche se devo ammettere di essere rimasto parecchio deluso da questo cambio:(

    • Ciao! Sinceramente non mi era arrivata questa notizia. Ma dove l’hai saputo? A dire il vero BioWare ha comunicato l’esatto contrario, che con la patch 3.2 arriva una nuova storia assolutamente personale. Forse ti riferisci alle quest secondarie, come su Yavin 4 e Rishi, e per le daily… in quel caso li lo trovo un valido compromesso (non per me, ma per chi non sopporta le cutscenes). O forse c’è qualcosa che non so? Non penso che bioware rimuova le cutscenes dalla main story! :)

      • Mi riferisco alle quest secondarie di Rishi e Yavin 4…non trovi che il doppiaggio e relative cutscenes erano il “marchio” distintivo che differenziavano(in positivo)questo gioco dagli altri?Le meccaniche delle quest secondarie sono + o – simili agli altri MMO,il plus era il doppiaggio/cutscenes che davano “vita” a tutti i personaggi secondari,invece di vedere le solite statuine ferme impalate con il riquadro della quest a fianco….Non so’…per loro è molto denaro/lavoro risparmiato ma personalmente penso che il gioco perda parecchio in questo modo.Detto questo i nuovi pianeti e le nuove storie sono molto belle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*