Qualità di stampa romanzo (e servizio) su Lulu.com e ILMIOLIBRO a confronto

Buon fine anno a tutti naviganti della rete ed esploratori di Capo Nerd. Eccoci di nuovo qui con un post da stendardo, da eroi, da Prometei. Più volte ho dovuto scoprire, sulla mia propria pelle, effetti di attività e iniziative sul web, per poterle condividere con voi ed evitarvi errori madornali. Infatti, se provate a cercare “qualità di stampa lulu” sul web qualcosa trovate… ma veramente poco. Per non parlare di “qualità di stampa ilmiolibro”. E soprattutto se si parla di scritti in formato romanzo… vediamo di rimediare.

Sono finalmente riuscito nell’impresa di -oltreché scrivere, disegnare, impaginare, revisionare- autopubblicarmi il mio esordio, Homeron Etark. Dopo la versione Kindle, ecco anche quella stampata. Essendo io editore e proprietario dei diritti, ho potuto provarlo su due servizi, Lulu.com e l’italianissimo ILMIOLIBRO.it, leader nel settore in italia, del Gruppo L’Espresso.

L’emozione di avere sotto mano un romanzo scritto di proprio pugno è indescrivibile ma non è questo l’argomento del discorso. Siamo qui per parlare di aspetti tecnici, economici e di convenienza. Non voglio tirarla troppo alla lunga, dico che sono soddisfatto di entrambi i servizi, però se avessi avuto modo di sapere con anticipo certe cose… sarei non solo soddisfatto ma molto soddisfatto. I consigli che vi darò dopo saranno quindi un vero luminare, per evitare di commettere i miei stessi errori! A meno che non siate degli esperti, ma allora potete smettere di leggere ;)

Molti aspiranti autori sono persone egoiste, vedono sé stessi come degli scrittori quando in realtà sanno a malapena tenere insieme un paragrafo. Dalla visione molto limitata, credono di essere unici e inarrivabili. Ora vi dico: ci sono molti autori di self publishing. Gli scrittori veri, fra questi, sono un numero ben più ristretto. Le opere autopubblicate che valgono una lettura sono ancora meno. E spesso sono quelle di chi è capace di confrontarsi e tenere sempre i piedi per terra.

Al bando i romanticismi. Al via i tecnicismi.

ILMIOLIBRO e Lulu per Homeron Etark

Sopra, ILMIOLIBRO.it, sotto Lulu.com. Se lo scopo è un romanzo, come ho scritto più sotto, ILMIOLIBRO fa un effetto senz’altro migliore.

Qualità stampa ILMIOLIBRO e Lulu a confronto

Formato romanzo ILMIOLIBRO a sinistra; qualità libreria A5 Lulu.com a destra. Stesso manoscritto, 498 pagine per Lulu (14×20), 460 per ILMIOLIBRO (15×23).

Qualità di stampa Lulu

Interno stampa con Lulu.com. Per un romanzo la rilegatura non è il massimo, però la qualità di stampa è comunque ottima. La rilegatura invece è piuttosto “attaccabile” da chi adora tastare i libri…

Qualità di stampa ILMIOLIBRO

Almeno nel mio caso, la qualità di stampa e la rilegatura di ILMIOLIBRO.it non hanno assolutamente nulla da invidiare ad un qualsiasi romanzo acquistabile in libreria. Per questo aspetto il servizio italiano è superiore di parecchie spanne.

Pro di Lulu.com:

  • Sito web tecnicamente perfetto, intuitivo, veloce da imparare ad usare, funzionale. Sistema impeccabile di gestione dei propri progetti, possibilità di ritiro e/o eliminazione/sostituzione/aggiornamento in qualsiasi momento. Controllo totale del proprio operato.
  • Sistema di preparazione del libro cartaceo intuitivo, quasi infallibile e maturo. Cover wizard intuitivo per realizzare le proprie copertine (io ho semplicemente caricato quella che mi son fatto da me, ma avete a disposizione davvero tanti template già pronti, e potete aggiungere testi e immagini in modo autonomo).
  • Pannello di controllo autore veramente completo, tante possibilità per gestire i contatti con i lettori, vetrina autore ecc ecc… oltreché pagamento provvigioni anche in PayPal. Dell’IVA se ne fa carico Lulu.com, perciò il vostro, che sarà contributo volontario occasionale, sarà rosicato. Io ho impostato un guadagno di 80-120 centesimi per copia, negli Store dove sono presente… questo è amare i propri lettori!
  • ISBN gratuito ma solo con codice inglese, ergo potrete vendere online ma non in store o librerie italiane.
  • Carta di ottima qualità, anche se bianca: alcuni potrebbero preferire la classica carta 80gr da libreria (riciclata, come quella di ILMIOLIBRO).

Contro di Lulu.com:

  • Qualità della stampa ottima ma carta bianca più da manuale che romanzo, e rilegatura non resistentissima,(ricordate che sto parlando del formato che Lulu.com presenta come “carta premium” a qualità libreria, formato A5, non brochure o libri di qualità superiore). Il bianco e nero su crema permette il formato commerciale USA ma costa di più.
  • Spedizione affidabile ma quella con corriere costa molto. Con posta prioritaria (7.99€) è comunque arrivato non troppo tardi, considerando anche festività natalizie. Fatto l’ordine il 20 Dicembre, è arrivato il 31. Ergo undici giorni per stampa e spedizione (è stato stampato in Francia). Non pessimo, assolutamente, però costoso.

Pro di ILMIOLIBRO.it

  • Italiano. Ok no, niente nazionalismi. Siamo seri!
  • Qualità della stampa formato “ROMANZO” in vero formato romanzo. L’aspetto del prodotto finale è, in tutto e per tutto, identico a quello di un qualsiasi libro che acquisterei in libreria. Veramente ottimo, almeno nel mio caso è stato così. La copertina è opaca e molto, molto ben rilegata. Spanne e spanne sopra Lulu.com (risottolineo che io sto parlando del formato romanzo, per altri tipi di stampe, che non ho mai provato, ho invece sempre sentito che Lulu.com è veramente imbattibile)
  • Spedizione relativamente economica -al pari di Lulu, ma con corriere invece di posta ordinaria. Ordinato il 17 Dicembre, arrivato il 23. Perciò, almeno nel mio caso, rapidissimo. Fatto seconda prova, ordinato il 20 Dicembre, arrivato il… 26.

Contro di ILMIOLIBRO.it:

  • ISBN italiano solo a pagamento, ma non costosissimo, e quindi permette la distribuzione automatica negli store online italiani, anche Feltrinelli (servizio a pagamento) però…
  • Sito che vorrebbe sembrare un vero salotto social per scrittori, peccato che sia malfunzionante in più aspetti, almeno in questo periodo, (hanno risolto, ora è molto meglio!) incluso il fatto che realizzando una nuova edizione quella vecchia non viene cancellata e vi rovinerà le uova nel paniere. Inoltre evitate di realizzare un ebook gratuito (cosa comunque permessa solo dopo aver fatto almeno un ordine del libro cartaceo). Gli ebook gratuiti generati dal libro sono pessimi e scaricabili senza protezione e nessun aiuto al cliente: viene fornito il file completo e basta. Meglio l’ebook professionale a pagamento, a caro prezzo in base a quante pagine bisogna convertire, però di qualità superiore e distribuzione su Amazon e tanti altri store… oppure meglio farsi l’ebook da soli su Kindle, se proprio non abbiamo soldi da spendere.
  • Pagamenti delle provvigioni solo con conto bancario.
  • In tutto il sito non c’è una mail di contatto per informazioni o dubbi. Il servizio clienti è sì, offerto, rapidissimo nella risposta, ma tecnicamente siamo totalmente fuori strada. Da quando è richiesto inserire la password e specificare il browser esatto in cui si è verificato il problema… e se volessi solo chiedere un’informazione?

Entrambi i servizi forniscono i template word, in .doc o .docx. Attenzione che la formattazione e l’impaginazione sono un lavoro lungo e faticoso… se siete ancora a metà del vostro manoscritto vi consiglio di fare un backup di quello, un backup del template, poi prendere il template e copiarci dentro ciò che avete scritto, seguendo tutta la formattazione preimpostata. Altrimenti sistemarla sarà un vero salasso!

Entrambi i servizi permettono di realizzare progetti “nascosti al pubblico” e utilizzarli solo per uso personale, magari per stampare copie solo per se stessi, progetti scolastici, lavorativi o simili… attenzione che se sbagliate procedura con Lulu.com non accade nulla, potete aggiornare in qualunque momento. Con ILMIOLIBRO siete invece condannati a tenervi gli errori ben visibili nelle vostre pagine di pubblicazione (un libro in vetrina può essere ritirato, ma solo dopo 10 mesi!).

Se siete in cerca di una piacevole lettura, provate una delle due versioni di Homeron Etark e scoprite com’è il risultato finale… se mi mandate una foto del libro acquistato, potrò darvi qualche dritta in più per il vostro caso specifico!

  • HOMERON ETARK: cartaceo, ebook (Amazon Kindle) ebook Kobo.
  • Update: ho provato Amazon Createspace, e se dovessi consigliare un servizio consiglierei proprio CreateSpace (ILMIOLIBRO resta l’alternativa se non masticate inglese e vi interessa una community attiva di altri scrittori).
  • La mia scelta personale è stata dunque quella di CreateSpace per il cartaceo, Kindle e Kobo per l’ebook.

Ergo, ILMIOLIBRO è un servizio che consiglierei sì, ma dando tutti gli avvertimenti che ho dato nei Contro: su Lulu.com potete aggiornare il vostro progetto quando volete, su ILMIOLIBRO una volta caricato è quello, punto; sì, potrete farne un altro, ma quello vecchio rimarrà nei risultati di ricerca, anche Google; inoltre l’ebook gratuito è da evitare. Ergo, prima di mettere un libro in vendita, tenetelo solo per voi, quindi aggiungetelo in vetrina solo dopo averne ricevuta una copia a casa e verificato che tutto funzioni correttamente.

Peccato, perché la stampa, almeno se parliamo di romanzi, per ILMIOLIBRO è veramente ottima. Il cover wizard non è male, con meno possibilità rispetto a quello Lulu.com (la costa è necessariamente uniforme, con titolo e autore, non personalizzabile oltre al colore di sfondo) però per chi, come me, aveva una copertina realizzata autonomamente, non risulta una scocciatura. Il sito è una cosa che si può aggiustare, quindi spero ILMIOLIBRO risolva questo problema negli anni a venire… (lo ha fatto, tutto è tornato a girare per il verso giusto!) e che aggiunga una email di contatto da qualche parte, un Servizio clienti che chiede password, browser, sistema operativo e data esatta del problema, anche se non sono dati che riguardano effettivamente il problema, ebbene non è ammissibile.

Detto ciò, ho imparato una cosa dall’autopubblicazione. Se il vostro romanzo merita, e lo scopo è di farlo leggere a quante più persone possibile, prendetevi tutto il tempo necessario, tutta la pazienza, tutta la forza morale per presentarlo a diverse case editrici, prima o poi troverete quella che lo accetta. Se in mente avete il chiodo fisso di diventar famosi o vendere tante copie, non autopubblicatevi, a meno ché non abbiate già visibilità o molte, molte abilità tecniche. Nel mio caso, ho scelto l’autopubblicazione, potendo contare su una carriera nelle scienze informatiche, talento nel disegno digitale e tanta, tanta innata pazienza. Ma soprattutto, il mio scopo era scrivere e un giorno avere i lettori.

E se volete fare un ebook, evitate servizi diversi da Kindle o Kobo (a meno che non gradiate vedere il vostro romanzo in pdf vagare per internet senza protezione…). Kindle è comprovato, funziona ed è il più diffuso sistema di lettura con inchiostro digitale, e offre un ASIN gratuito che rende a tutti gli effetti la vostra opera un romanzo esistente e in vendita. Idem Kobo.

Non esiste la visibilità gratuita sul web, nonostante numerosi (e numerose!) blogger ben disponibili a condividere e segnalare la vostra opera. Sono dei veri preziosi nella crudele Internet, ma non potranno fare più di tanto per voi. Le case editrici “no eap”, non a pagamento, sono la soluzione migliore. Ecco, detto anche l’ultimo saggio consiglio. Ora dimenticate tutto e fate come il vostro cuore vi spinge a fare ;)

Se le indicazioni in questo articolo vi sono state utili, considerate di leggere il mio apprezzato lavoro, Homeron Etark. L’ebook è in vendita per pochi centesimi su Kindle. Infine, sul sito ufficiale trovate tante curiosità e contenuti gratuiti.

Se siete simpatici e umili al punto giusto, potete anche propormi di fare qualcosa per voi:

Servizi per autori

PROSSIMO ARTICOLO: Il terzo incomodo è Amazon CreateSpace!

Buona avventura


Francesco

di Francesco "Capo" G.

Informatico e geek blogger. La mia grande passione è l’indie publishing, un “secondo lavoro” che interpreto tramite scrittura creativa e digital art. Sono sempre alla ricerca di mondi e mitologie lontane, sia del passato che del futuro. Autore del romanzo "Homeron Etark" inserito nel selezionato Kerberos dei Gladiatori della Penna e 3/3 su Mangialibri.com. Guardo The Big Bang Theory e Star Wars, leggo Asimov e Tolkien. Nel tempo libero player veterano di SWTOR.

Leggi il mio libro Homeron Etark

9 pensieri su “Qualità di stampa romanzo (e servizio) su Lulu.com e ILMIOLIBRO a confronto

  1. Ciao! Ho letto la tua recensione e conferma la mia idea a seguito di acquisto su entrambe le piattaforme.
    Il mio unico dubbio riguarda la copertina e il template de “il mio libro”: è divisa in tre e si possono caricare immagini separate sulle due facciate, purtroppo non un’immagine unica anche con la costa.
    È sufficiente creare due immagini della dimensione romanzo? Due jpg ad alta risoluzione 15×23 garantiscono l’assenza di spazi bianchi, oppure vanno create un po’ più grandi? Una parte bordata in trasparenza nel template suggerisce forse la seconda opzione?
    Grazie in anticipo e a presto!

    • Ciao Stefano. Dici bene, su ILMIOLIBRO la costa può essere unicamente di un colore, tu puoi caricare solo le due facciate. Le due facciate dovrebbero essere, per sicurezza, come dici tu, un pochino più ampie di 15×23 per garantire l’assenza di spazi bianchi. Personalmente gradisco la costa monocolore e con solo testo, quindi anche su Lulu ho fatto la medesima cosa.

      • Grazie per la conferma! In pratica la parte che diventa “trasparente” nel template non si stampa corretto?
        E il codice a barre viene a prescindere con il prezzo iva inclusa?
        Prometto che è l’ultima domanda! :-)

        • Se compri Homeron Etark, in ebook su Kobo o cartaceo, puoi farmene anche 101 di domande ;) Su Lulu.com il codice a barre viene sovrapposto automaticamente se hai accettato l’ISBN gratuito. Su ILMIOLIBRO viene stampato solo il prezzo di copertina, il codice a barre solamente se hai acquistato l’ISBN e la procedura di aggiunta isbn è stata completata (su ILMIOLIBRO, perciò, assicurati che il retro sia “sullo sfondo” se in futuro pensi aggiungerai l’isbn). Buona serata ;)

          • Ah il codice a barre quindi non c’è nemmeno se pubblichi sul loro sito su Il mio libro? Pensavo di sì!

  2. Ciao Francesco, ho letto il tuo articolo, e volevo chiederti un’informazione, avendo appena autopubbliccato con ilmiolibro. L’acquisto della distribuzione cartacea presso Feltrinelli comporta che il libro venga fisicamente messo in vendita sugli scaffali della Feltrinelli, o soltanto ordinabile tramite il negozio? Sai qualcosa in più di me? Diciamo che appena finito ho avuto la smania di autopubblicarlo, difatto difficilmente credo possa essere un prodotto di interesse generale tale da esser pubblicato da un editore. Ho comunque inviato il resto alla Mondadori, e sai per caso darmi altri contatti? Grazie

    • Ciao Alessandro. Scusa se rispondo tardi ma per le feste ero lontano dalla tastiera!
      Per la cosa della distribuzione premium, no, non viene mandato alle librerie, ma diventa ordinabile in negozio. (Ricorda che il libro non diventa una pubblicazione a tutti gli effetti, non ne viene fatta una tiratura, ma solo “print on demand”). Prima di presentare un libro ad una casa editrice, controllalo, ricontrollalo, fallo leggere ad un amico sincero, e leggi qualche tutorial sull’impaginazione per presentarlo bene. Molte case editrici non accettano libri già autopubblicati. Non conosco il genere dell’opera quindi non potrei suggerirti altre case editrici. Spero di esserti stato d’aiuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*