Incontri su DeviantArt: la saga di Exoria e il suo team – Raccontarsi da Devianti

DeviantArt mi ha catturato, letteralmente. Lo consulto da sempre, ma solamente poco prima di pubblicare Homeron Etark decisi d’iscrivermi e iniziare a disegnare da me i dipinti e le illustrazioni promozionali del mio romanzo d’avventura. Sul social dell’arte, degli hobby e della creatività potete trovarmi a questa pagina.

Exoria Saga - Intervista

Un mondo sci-fi sconfinato: Exoria. Pronti a scoprirne di più sul suo team?

Ho conosciuto creativi incredibilmente talentuosi nel disegno, artiste eccezionali e ho trovato (e dato) tanta ispirazione. Ho potuto leggere poesie, racconti, fumetti e webcomics. Artisti tradizionali e digitali, hobbysti come me o professionisti del settore. Poeti e scrittori. In una parola, creativi. Alla ricerca di risposte su domande che avviluppano i creativi nel loro stesso essere, ho deciso di invitarne alcuni a raccontarsi qui su Capo Nerd Blog.

Perché? DeviantArt è un mondo fantastico, virtuale e reale. Con questi post vorrei portarne qualche scorcio agli occhi di chi mi segue. La scorsa volta era Annie’s World, studentessa di arti tradizionali. Oggi è il turno del team che ha creato la il mondo di Exoria. Sono arrivato al loro universo incontrando su DeviantArt i disegni dell’artista Nuzza Dynamis (http://nuzzadynamis.blogspot.it/), che è parte del team. Il loro sito è questo: http://exoria.altervista.org/

Hanno dato vita ad un mondo che sembra non finire mai, pieno di contenuti. Siccome sono nella stessa loro situazione, anche se con Homeron Etark faccio tutto da solo (e un pochino li invidio, però il lavoro di squadra è comunque duro, se si tiene al risultato finale, come vedremo!) beh, non potevo non cogliere l’occasione di presentarli in questo spazio! Dunque, cominciamo.

Ciao, team di Exoria! Presentiamoci. Di me… basta guardarsi intorno nel blog e si capisce tutto. Voi chi siete?

Siamo un gruppo di appassionati di fantascienza, accaniti lettori, amanti della buona cinematografia e dei videogiochi. Proprio attingendo da queste passioni che ci accomunano abbiamo creato Exoria, saga epico-fantascientifica; intorno a un’idea embrionale si è costituito un gruppo volenteroso, disposto a mettersi in gioco per costruire un progetto ambizioso. Benché alcuni di noi si conoscessero già prima della formazione del gruppo, proveniamo da differenti ambiti: artistico, scientifico e letterario. La maggior parte di noi ha maturato autonomamente le proprie capacità; altri invece hanno assecondato le proprie passioni con un percorso di studi specifico. Questa molteplicità ha arricchito anche Exoria; all’interno del team, ognuno può esprimere il proprio talento e contribuire attivamente mettendo le proprie conoscenze e competenze al servizio del progetto.Exoria Saga - Battaglie spaziali

Eh, si vede! Fantastico: mix di autodidatti e professionisti, combo micidiale. Raccontateci la vostra arte come superficialmente noi, spettatori, possiamo vederla. Ossia, cos’è Exoria?

Exoria nasce come saga letteraria di genere epico-fantascientifico, concepita inizialmente come una trilogia di romanzi. Con il tempo l’ambientazione del nostro universo si è arricchita di dettagli, nuove intuizioni hanno aperto ad approfondimenti tematici e il corpus narrativo si è evoluto, tanto che abbiamo avvertito la necessità di esplorarne le varie sfaccettature attraverso altri media. Attualmente abbiamo in lavorazione un gioco di ruolo, un’enciclopedia illustrata, una graphic novel e diverse raccolte di racconti che ruotano attorno alle tematiche principali della saga, tra cui la contrapposizione tra ordine e libertà, armonia e caos, la natura del destino, della vendetta e dell’esilio (il nome della saga, Exoria, è la traslitterazione del termine greco “εξορία”, che significa appunto “esilio”).

Data l’abbondanza di lavoro da svolgere, siamo soliti programmare riunioni mensili durante le quali fare il punto della situazione e confrontarci sulle questioni più importanti, in modo tale che, pur lavorando ognuno a modo suo e con le proprie capacità, il risultato finale abbia una certa continuità e omogeneità. Questo accade anche per la stesura della trilogia principale: la trama viene intessuta e discussa assieme, sviluppata e scritta da una persona, poi revisionata da singoli membri del team, oltre che da tester esterni al gruppo. L’autore a quel punto cuce assieme tutto ciò che può migliorare il libro e, quando il risultato finale ci convince, lo proponiamo al pubblico.
Raccontateci la vostra arte come nel profondo la vivete: cosa vi spinge a creare? È espressione della vostra creatività o sfogo di una qualche altra emozione? Vi fa piacere condividerla (inclusi ai blogger che vengono a rompervi le scatole :D)

Exoria Saga - DisegniTutti noi siamo cresciuti con grandi storie: dai classici della narrativa, ai cartoni animati che ci hanno accompagnati nella nostra infanzia, fino ai capolavori del cinema che ci hanno fatto sognare. La passione che queste avventure hanno suscitato in noi ci ha spinto a creare un universo in cui poterci riconoscere e di cui altre persone possano sentirsi parte (compresi i blogger che vengono a romperci le scatole!).

:D – Secondo voi perché, come creativi, sentiamo poi l’innato bisogno di mostrare le nostre creazioni agli altri? (quelli che sentono questo bisogno). Voi come vivete questo aspetto? Vi basta avere qualche buon amico a cui mostrarle, mirate a raggiungere un pubblico sempre più ampio, magari per raccogliere una fanbase di followers, oppure con l’obiettivo di avere un ritorno economico?

Fondamentalmente, il gesto creativo scaturisce dal desiderio di esprimere o comunicare un’emozione legata a qualcosa che per noi è importante. Quando quest’emozione diventa un messaggio che il fruitore rende suo, perché o vi si riconosce o vorrebbe viverlo, può coinvolgere e ispirare nuove creazioni. Forse il motivo per cui spesso si sente il bisogno di mostrare le proprie opere ha anche a che fare con la bellezza: quando amiamo ciò che creiamo nasce quasi la necessità di condividerne l’entusiasmo con gli altri. Anche per questo motivo, riteniamo che il contatto con il pubblico sia importante, perciò ci piacerebbe raggiungere e interagire con persone che possano appassionarsi ad Exoria e, chissà, magari trarne a loro volta ispirazione.

Il mondo di ExoriaMusica e letture preferite?

Un caposaldo tra i nostri interessi è sicuramente Star Wars, ma la nostra narrativa è anche influenzata da Asimov e dai capolavori di Tolkien. I nostri interessi musicali, invece, sono piuttosto eterogenei, dalle colonne sonore di film alla musica pop.

Tolkien e Asimov… non so’ chi ha scritto materialmente la risposta, ma chiunque sia, del team, ha il mio assoluto rispetto e si merita un abbraccio. Bene, ora la domanda più importante, di rito per tutti. A quando una vostra fanart su Homeron Etark? :D

Ci mobiliteremo al più presto!

Beh, grazie di aver accettato il mio invito a questo post. Intanto posso dirvi che ho acquistato l’e-book di Exoria – Doom’s Shade e me lo leggerò (e recensirò, eh! :D). Salutiamo il team di Exoria con il booktrailer del loro volume e tutti i collegamenti per l’acquisto e i social. Alla prossima!

Volumi acquistabili dal mondo di Exoria:

di Francesco "Capo" G.

Informatico e geek appassionato di disegno digitale, storia antica ed epica. Autore del romanzo "Homeron Etark" inserito nel selezionato Kerberos dei Gladiatori della Penna e 3/3 su Mangialibri.com. Gli piacciono Star Wars, Asimov, LOTR, The Big Bang Theory. Mettete tutte queste cose insieme, non shakerate perché è un pochino introverso e volto alla moderazione... e ci viene fuori lui. Nel tempo libero a.k.a. Starlover/Cap'skycloud @SWTOR; fu Capo_Marmaglia @CoJBiB.

Il mio libro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*