Alleggerire il pc eliminando file inutili e i registri rovinati

OBBIETTIVI IN SINTESI: 

  • Eliminare i file temporanei, quelli inutilizzati e gli errori del registro.
  • Bonificare lo spazio libero con la deframmentazione.
  • Selezionare i punti di ripristino da tenere e quelli da eliminare.
  • Scegliere i programmi all’avvio di Windows.
  • Evitare di scaricare programmi inutili


Oggi vedremo come impedire al computer di invecchiare precocemente, di diventare lento all’avvio e di riempirsi di schifezze. Tenete ben presente però che tutto quanto potete trovare sul web o nei cd delle riviste specializzate riguardo alla pulizia del PC, non rende affatto più veloce un computer di quanto non lo sia già appena formattato. Niente miracoli, insomma.

Tutto ciò che voi fate viene registrato, tutto ciò che visualizzate a schermo viene salvato in una qualche porzione dell’hard disk, tutto ciò che cancellate, in realtà, viene solamente preparato per essere sovrascritto, per non parlare delle pagine web: ogni cosa che appare sullo schermo lascia una qualche traccia sul vostro computer.

  1. File conseguenza della navigazione sul Web e la posta elettronica.
  2. Errori, mancanze del registro.
  3. Hard disk frammentato.
  4. Punti di ripristino sistema.
  5. … Software malevolo, spyware e file indesiderati.

1. Ogni cosa che visualizzate sul web rimane sul vostro computer, e arriva anche, per una navigazione intensa per una mezz’oretta, a qualche centinaio di Mbytes. Usare strumenti come CCleaner, Glary Utilities o Wise Disk Cleaner è la soluzione migliore per sbarazzarsi dei file superflui. Anche se non ho provato gli ultimi tre, posso assicurarvi che CCleaner svolge al meglio il suo compito, e offre tantissimi strumenti aggiuntivi: dalla pulizia del registro alla selezione dei programmi all’avvio, fino all’eliminazione dei punti di ripristino.

2. Le operazioni più importanti e influenti sull’andamento del sistema vengono registrati, appunto, dal registro. Quando qualcosa non funziona per il verso giusto, o ci sono dei conflitti da programmi o driver, traccie del registro rimangono inutilizzate e creano degli errori. Il già sopracitato CCleaner offre un valido strumento di pulizia del registro. Come lui però, tutti i programmi adibiti alla pulizia del registro, non fanno assolutamente miracoli. Il computer resterà sempre lo stesso, ma con una coscienza pulita…

3. Quando si installano dei programmi o si salvano dei file, questi vengono incisi in fila sul disco rigido: quando li eliminate o disinstallate, nella fila che prima era diritta e ordinata si incominciano a vedere dei buchi. Questi spazi indefiniti e vuoti possono effettivamente rallentare le operazioni di ricerca, e quindi l’apertura di determinati file o programmi.XP, Vista e 7 offrono strumenti efficaci per la deframmentazione, ma se volete qualcosa di meglio, basatevi su software di terze parti, come Piriform Defragger. Ubuntu contiene già al suo interno degli ottimi software per la manutenzione del disco.

4. Un’altra cosa che pesa sul sistema operativo e occupa non poco spazio del disco è l’insieme di tutti i punti di ripristino creati dal sistema ogni qual’volta che viene installata un’applicazione. Sono molto utili, nel caso succeda qualcosa di indesiderato: nella maggio parte dei casi potrete mandare indietro il tempo. Il problema è che tutti i punti di ripristino, rimangono registrati e salvati sull’hard disk. Cito come sempre CCleaner: offre un’ottimo strumento per eliminare i punti di ripristino inutili. Attenti però, tenetene sempre qualcuno di riserva: uno più vicino alla prima installazione del sistema, e uno a qualche settimana prima della pulizia.

Più programmi sono installati un un computer, e più questo impiegherà tempo ad accendersi: molti software infatti si avviano in background con l’avvio del sistema operativo. Strumenti integrati o di terze parti si rivelano molto utili. (vedi > l’avvio di Windows)

Da tutto quello detto fin’ora, posso sintetizzare una cosa: se volete un pc in forma, non scaricate cose inutili (tra cui i programmi per eliminarle) e quando vi capita fate una pulizia dei file temporanei e una deframmentazione ogni due-tre mesi. Io uso CCleaner e Defraggler, e basta.

di Capo (Francesco G.)

Informatico scientifico, indie publisher e geek. Sempre alla ricerca di mondi e mitologie lontane, sia del passato che del futuro. Autore dell'epico e apprezzato romanzo Homeron Etark. Nel tempo libero, player veterano di SWTOR, del quale è autore della più longeva guida italiana.
"Sostenitore" (un raro INF-J/INF-T) per personalità. PC Master race nel cuore.

Leggi il mio libro Homeron Etark

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*